Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più

di Michele Mancuso

Ogni anno, il tre agosto verso mezzogiorno, gran folla di fedeli si raccoglie sul sacrato della chiesa madre di Ficarra, in attesa che la Vergine Madre appaia sulla soglia. Proprio lei, la bellissima Madonna del Gagini, col suo viso bambino. Allora campane e mortaretti si inseguono a gara per il cielo, la banda scoppia in un suono festoso e tutti ci avviamo dietro il fercolo sontuoso, tanti a piedi scalzi ma col cuore pure in festa. Un vecchio professore cieco, che ha lasciato sui libri la vista, alza i suoi occhi senza luce verso il lieve tintinnio delle campanelline d’argento, in alto alla vara. Un lieve tintinnio che pure sovrasta il brusio della folla e il fragore dei musici, e raccomanda alla Madonna i suoi figli, mentre un gran grido si leva da per tutto: “Evviva la Gran Signora Maria “.

Allora ci avviamo tutti per il  Chiano ’i Nardi, ciascuno attento a tenere  gli occhi a una delle stelle trapunte sul manto azzurro, che l’Annunziata stende misericordiosa sui nostri mali e sui nostri peccati. Può accadere che qualcuno, avendo improvvisa pena della propria angoscia terrena, faccia sì che ad un tratto tutte le stelle del manto della Madonna siano tutte sue.

Ritornerà la Madre Santa a rivedere e salutare la chiesetta che la ospitò la prima volta, cinquecento anni addietro; la chiesetta in mezzo agli ulivi che resta per tutto un anno fedele e paziente ad aspettarla e poi si avvierà, in gloria, per le vecchie strade di quel vecchio e caro suo borgo, che se ne va   fianco a fianco del colle, “ tutto una fuga sghemba e strapiombata di case, scantonando sull’ultima balza con un fanale che di giorno fa un goffo disegno nel cielo e la notte è compagno delle stelle”.

È così che, ormai da mezzo millennio, ogni anno torniamo, anche da lontano, per raccoglierci ai piedi di Colei che ci resta Madre di conforto nel dolore, sorella nella sventura, luce di bene e di speranza sempre.

Michele Mancuso

Orario delle Sante Messe

Festivo:

Ore 8.15 San Giovanni
Ore 9.45 Matini

Ore 11,00 Chiesa della Badia
Ore 18.30 Chiesa Madre

Feriale:

Ore 18.00 Chiesa Madre

 

*Orario dal  11-04-2017

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire